Cerca nel sito:

venerdì 27 aprile 2018

Papaveri e papere

15/04/2018 18:44

Adesso pure Saviano vuole i delinquenti fuori

L'intellettuale con la scorta se ne frega della sicurezza altrui

Adesso pure Saviano vuole i delinquenti fuori

E' insopportabile leggere Roberto Saviano che si mette a contestare la mancata riforma dell'ordinamento penitenziario.

Lui fa profssione di clemenza; lui spiega comne si trattano i delinquenti, facendoli uscire dalle celle. Lui bacchetta i presidenti delle Camere perchè il Parlamento chiede di verificare che cosa si vuole fare della certezza della pena. Lui rimprovera al governo uscente di non aver accelerato i tmpi prima delle elezioni, così la facevano franca. Lui si rivolge a Roberto Fico, "uomo di sinistra" per liberare le prigioni prima di subito.

Lui, che non rinuncia alla scorta, se ne frega della sicurezza altrui.

Lui, come loro, come tutti loro, non si rende e non si rendono conto del male che fanno alla Nazione.

Noi, nessuno di noi, si azzardi a seguire i cattivi pensieri degli intellettuali che scrivono mangiando popcorn per passare il tempo a retribuzione.

Non vogliamo scappare anche noi dall'Italia perchè i delinquenti debbano tornare liberi di scorrazzare e seminare paure. Dalla tastiera di Saviano ci precipitano addosso sciocchezze intollerabili.

Le eviti, lui.

F.S.