Cerca nel sito:

venerdì 18 agosto 2017

Il corsivo di Francesco Storace

02/11/2016 05:50

NIENTE FIORI AI CADUTI RSI

A Venaria ennesima dimostrazione di odio

NIENTE FIORI AI CADUTI RSI
E il sindaco grillino se ne esce con le solite stupidaggini

 

Hanno mobilitato i vigili urbani. Avrebbero fatto meglio a chiamare la neuro. Oggi, ricorrenza dei defunti, coincide con la negazione del diritto alla preghiera e al ricordo per i Caduti della Repubblica sociale italiana. Lo ha deciso la solita associazione partigiani, questa volta a Venaria, tanto per non far dimenticare il clima di perenne faziosità che deve continuare a dominare in Italia.

Un esponente di Casapound - esattamente come in tanti abbiamo fatto tantissime volte - ha voluto rendere omaggio a sette combattenti, citati per nome e cognome, come figli di questa nostra Patria, che morirono fucilati. La guerra civile li contrappose ai partigiani, e siccome la storia continua a scriverla chi vince, si cancella persino il diritto al ricordo di chi non c'è più.

Gaetano Cuttaia - questo il nome del pericoloso eversore reo di voler portare un mazzo di fiori al cimitero... - ha dovuto subire il richiamo dei vigili urbani, che evidentemente in quel comune hanno poco da fare se sono costretti ad impedire un omaggio ai morti.

In questo paese si trova chi si inchina ai boss di mafia; ma sembra peggio ricordare chi ha offerto la propria vita in Repubblica sociale. E tutto questo alla faccia di tanti proclami alla Violante; se l'odio è ancora così presente, vuol dire che è sempre più lunga la partita della pacificazione nazionale. Morti di serie A e di serie B in questo lunghissimo dopoguerra che sembra non dover finire mai.

Eppure, nell'amministrazione del comune della provincia torinese lo scorso anno si era gridato alla libertà, era stata sconfitta al ballottaggio la coalizione di sinistra. La vittoria era stata di un grillino, Roberto Falcone. Peggio mi sento ad ascoltare le sue parole sprezzanti: "Chi ha deposto quel mazzo di fiori voleva solo attirare l'attenzione". Ecco, uno che adopera simili espressioni dovrebbe solo vergognarsi. Costui sarebbe il rappresentante del nuovo.... Ma vada al diavolo.

Pietà per i morti, disprezzo per chi ne calpesta la memoria.

Francesco Storace

Commenti 

5

Vergogna

03/11/2016 00:33

Postato da LuciusQuinctius

Del resto che si vuole pretendere da quelli che credono alle scie cosmiche, alle sirene e fanno interpellanze in parlamento per quelle. La stupiditá é il loro emblema.

4

02/11/2016 16:42

Postato da centrillo

non ha molta importanza se un sindaco stupido e arrogante ha impedito un atto di umana pietà, per noi quei morti rappresentano ciò che per fedeltà ad un giuramento dato si è pronti a sacrificare testimoniando con la vita in ciò per cui si crede

3

ma quale riappacificazione....

02/11/2016 10:12

Postato da gondar

Non ci sara' mai nessuna riappacificazione con chi ha solo utilizzato la menzogna e la falsità per scrivere la storia (a suo piacere) costruendoci sopra carriere politiche, carriere dirigenziali, visibilità, finanziamenti, sovvenzioni e pensiero unico....