Cerca nel sito:

mercoledì 28 giugno 2017

La scelta

27/10/2016 14:44

Emergenza migranti, prossimo passo le requisizioni

Le strutture pubbliche non bastano per far fronte all'ondata continua di arrivi

Emergenza migranti, prossimo passo le requisizioni
Le prefetture possono 'sequestrate' alloggi privati per accogliere gli stranieri. A 'rischio' non solo alberghi e ostelli ma anche seconde case

 

Lo stato può requisire le strutture private per piazzare i migranti. E se i cittadini osano protestare vengono “messi in croce”. 
È successo a Gorino, come tristemente noto, dove i residenti che hanno innalzato una specie di barriera improvvisata con dei bancali in legno per evitare l’accesso dei pullman che dovevano trasportare i migranti sono stati immediatamente additati dalle istituzioni (e non solo) come i ‘cattivi’. 
Ribelli che hanno solamente avuto il coraggio di opporsi a un sistema pubblico che per gestire l’emergenza immigrazione arriva addirittura ad imporre ai privati di accogliere. 
Gli extracomunitari infatti non si sa più dove metterli e l’aumento dei flussi preoccupa molto, anche perché gran parte di chi arriva è migranti economico e quindi non ricollocabile. 
Le “sole” strutture pubbliche non bastano ed ecco che i prefetti possono decidere di requisire le strutture private. A Gorino, ad esempio, la prefettura ha ordinato la requisizione della struttura dell’ostello annunciando l’arrivo immediato dei migranti e costringendo i proprietari a cancellare le prenotazioni, generando la ribellione dei cittadini.
E a lamentarsi non sono solo i cittadini ma anche le amministrazioni, pure quelle di centrosinistra. Ne è un esempio quanto accaduto a Firenze dove il sindaco Dario Nardella ha scritto al prefetto affinché solleciti il ministero degli Interni a “non inviare ulteriori richiedenti asilo sul territorio toscano, fino al riequilibrio delle percentuali con le altre Regioni”. Il primo cittadino spiegando come la Toscana ha una presenza di richiedenti asilo superiore del 12% alle quote dovute, punta il dito contro “le regioni che sono sotto quota, come Lombardia, Lazio, Campania, Emilia Romagna, Puglia, Valle d'Aosta”.
Insomma il nodo sembrerebbe proprio questo. Si deve imporre a tutti di accogliere. Ed ecco perché il governo ha pensato di adottare misure estreme, come la requisizione delle strutture private. È successo per ostelli e alberghi. A questo punto però ci si può aspettare che si agisca anche su seconde o terze case sfitte per un periodo limitato o sull’utilizzo delle scuole dopo la chiusura.
D’altronde il prefetto di Treviso ha affermato di poter decidere di requisire le case sfitte per affrontare l’emergenza migranti, nel caso in cui i Comuni non individuino sistemazioni idonee.
Possono farlo? Come ricorda Noemi Secci in un articolo de ‘La Legge per Tutti’, “il Prefetto, secondo la legge italiana (Art. 7, All. E, L. n. 2248/1865), può requisire gli immobili a uso abitativo appartenenti ai privati, se questi sono sfitti o abbandonati da alcuni anni. Il motivo della requisizione deve consistere in gravi ed urgenti necessità: queste possono essere legate non solo a calamità naturali, come terremoti e alluvioni, ma anche all’emergenza abitativa”. Poi viene precisato: “la requisizione, a differenza dell’esproprio, non è definitiva, ma l’autorità pubblica si deve impegnare a restituire l’abitazione, nello stato iniziale, entro un determinato lasso di tempo: questo significa che deve essere per forza stabilito un termine finale e che la situazione non può protrarsi indefinitamente. Inoltre, deve essere corrisposta un’indennità al proprietario per tutto il periodo della requisizione”. Ma attenzione. Nello stesso articolo viene inoltre ricordato come “non tutta la giurisprudenza è concorde nell’ammettere la requisizione per le situazioni di emergenza abitativa, perché non si tratterebbe di una situazione che presenta i caratteri di temporaneità ed eccezionalità previsti dalla normativa”.
Insomma possono toglierci alberghi, ostelli o seconde case? Sì. Il tutto non per un’emergenza abitativa che riguarda la nostra popolazione, quella italiana, ma i migranti economici. 
Lo stato può requisire le strutture private per piazzare i migranti. E se i cittadini osano protestare vengono “messi in croce”. 

 

È successo a Gorino, come tristemente noto, dove i residenti che hanno innalzato una specie di barriera improvvisata con dei bancali in legno per evitare l’accesso dei pullman che dovevano trasportare i migranti sono stati immediatamente additati dalle istituzioni (e non solo) come i ‘cattivi’. 

Ribelli che hanno solamente avuto il coraggio di opporsi a un sistema pubblico che per gestire l’emergenza immigrazione arriva addirittura ad imporre ai privati di accogliere. 

Gli extracomunitari infatti non si sa più dove metterli e l’aumento dei flussi preoccupa molto, anche perché gran parte di chi arriva è migrante economico e quindi non ricollocabile. 

Le “sole” strutture pubbliche non bastano ed ecco che i prefetti possono decidere di requisire le strutture private. A Gorino, ad esempio, la prefettura ha ordinato la requisizione della struttura dell’ostello annunciando l’arrivo immediato dei migranti e costringendo i proprietari a cancellare le prenotazioni, generando la ribellione dei cittadini.

E a lamentarsi non sono solo i cittadini ma anche le amministrazioni, pure quelle di centrosinistra. Ne è un esempio quanto accaduto a Firenze dove il sindaco Dario Nardella ha scritto al prefetto affinché solleciti il ministero degli Interni a “non inviare ulteriori richiedenti asilo sul territorio toscano, fino al riequilibrio delle percentuali con le altre Regioni”. Il primo cittadino spiegando come la Toscana ha una presenza di richiedenti asilo superiore del 12% alle quote dovute, punta il dito contro “le regioni che sono sotto quota, come Lombardia, Lazio, Campania, Emilia Romagna, Puglia, Valle d'Aosta”.

Insomma il nodo sembrerebbe proprio questo. Si deve imporre a tutti di accogliere. Ed ecco perché il governo ha pensato di adottare misure estreme, come la requisizione delle strutture private. È successo per ostelli e alberghi. A questo punto però ci si può aspettare che si agisca anche su seconde o terze case sfitte per un periodo limitato o sull’utilizzo delle scuole dopo la chiusura.

D’altronde il prefetto di Treviso ha affermato di poter decidere di requisire le case sfitte per affrontare l’emergenza migranti, nel caso in cui i Comuni non individuino sistemazioni idonee.

Possono farlo? Come ricorda Noemi Secci in un articolo de ‘La Legge per Tutti’, “il Prefetto, secondo la legge italiana (Art. 7, All. E, L. n. 2248/1865), può requisire gli immobili a uso abitativo appartenenti ai privati, se questi sono sfitti o abbandonati da alcuni anni. Il motivo della requisizione deve consistere in gravi ed urgenti necessità: queste possono essere legate non solo a calamità naturali, come terremoti e alluvioni, ma anche all’emergenza abitativa”. Poi viene precisato: “la requisizione, a differenza dell’esproprio, non è definitiva, ma l’autorità pubblica si deve impegnare a restituire l’abitazione, nello stato iniziale, entro un determinato lasso di tempo: questo significa che deve essere per forza stabilito un termine finale e che la situazione non può protrarsi indefinitamente. Inoltre, deve essere corrisposta un’indennità al proprietario per tutto il periodo della requisizione”. Ma attenzione. Nello stesso articolo viene inoltre ricordato come “non tutta la giurisprudenza è concorde nell’ammettere la requisizione per le situazioni di emergenza abitativa, perché non si tratterebbe di una situazione che presenta i caratteri di temporaneità ed eccezionalità previsti dalla normativa”.

Insomma possono toglierci alberghi, ostelli o seconde case? Sì. Il tutto non per un’emergenza abitativa che riguarda la nostra popolazione, quella italiana, ma i migranti economici. 

Barbara Fruch

Commenti 

7

Io non ne possiedo.......

28/10/2016 15:32

Postato da massimoxmeridio

Ma se l'avessi, prima di farmela requisire da deficienti certificati, gli darei fuoco o meglio ancora la darei in comodato gratuito a una qualsiasi famiglia italiana che ne avesse bisogno.Capito teste di cxxxo?????

6

28/10/2016 11:37

Postato da Antero

indecentemente !

5

28/10/2016 11:37

Postato da Antero

indecentemente !