Cerca nel sito:

mercoledì 01 ottobre 2014

Il corsivo di Guido Paglia

24/07/2013 12:40

Non si può più dire "terrorista"? Allora siamo a cavallo

Risolti i problemi economici di tutti

Non si può più dire "terrorista"? Allora siamo a cavallo
Se la Cassazione concede il risarcimento all'ex militante di ''Prima Linea'' perché lo stesso trattamento non dovrebbe essere riservato anche a tutti gli ex-militanti estremisti?

Caro Francesco,

finalmente una buona notizia dalla Cassazione. No, non riguarda il Cav, ma noi ex-militanti estremisti. Sappi che abbiamo risolto il problema dei finanziamenti a “Il Giornale d’Italia”. Da oggi, grazie alle querele che cominceremo a vincere, non avremo più problemi. Perché, vedi, dato che la legge è uguale per tutti, nessuno potrà più permettersi di indicarci al pubblico ludibrio per i nostri trascorsi fascisti.

I giudici della terza sezione civile di Piazza Cavour hanno infatti dato ragione ad un povero ex-terrorista militante di “Prima Linea” a cui il solito giornalaccio aveva ricordato i trascorsi. “Il diritto del soggetto a pretendere che proprie passate vicende personali siano pubblicamente dimenticate –scrivono- trova limite nel diritto di cronaca solo quando sussista  un interesse effettivo ed attuale alla loro diffusione”, nel senso che “quanto realmente accaduto trovi diretto collegamento con quelle vicende stesse e ne rinnovi l’attualità”. Quindi: trentamila euro di risarcimento. Che t’avevo detto ? Siamo a cavallo.

Guido Paglia