Cerca nel sito:

martedì 19 giugno 2018

Politica

03/06/2018 15:48

Mussolini a Berlusconi: "Forza Italia voti SI alla fiducia al Governo Conte

"Con Te alla guida, il partito sia interprete in prima linea di questa rivoluzione, dando ancora maggiore solidità alla maggioranza parlamentare"

Mussolini a Berlusconi: "Forza Italia voti SI alla fiducia al Governo Conte

"Presidente Berlusconi, rubo solo qualche minuto al Tuo tempo per rappresentare il mio pensiero dopo i significativi accadimenti conseguenti alle elezioni politiche e cercherò di essere breve, come mio costume, per giungere subito al punto della questione".

Comincia così la lettera di Alessandra Mussolini a Silvio Berlusconi. Il "punto della questione" è l'esito delle urne, che secondo la Mussolini ha evidenziato alcune questioni in modo chiaro. Il primo punto che l'europarlamentare forzista sottolinea è che "esiste un solido blocco che si è identificato nelle politiche del centrodestra, così come presentatosi al giudizio degli elettori, che pur vincendo le elezioni non ha raggiunto una percentuale utile ad avere una maggioranza parlamentare".

Secondo punto: "esiste - scrive la Mussolini -, altresì, un solido blocco che si è identificato nelle proposte politiche del M5S, che pur risultando il partito più votato non ha raggiunto una percentuale utile ad avere una maggioranza parlamentare".

Terza riflessione: "non esiste più una sinistra competitiva capace di attrarre consensi per il Governo del Paese, relegata a una marginalità politica e all'opposizione".

Riflette anche sulla leadership, Alessandra Mussolini, e scrive che il centro destra ha espresso  "come da accordi precedenti al voto", un nuovo leader che è Matteo Salvini che però non ha ricevuto dal Capo dello Stato l'incarico di formare il Governo.

Parla, quindi di "ennesima grande prova di responsabilità e senso dello Stato" di Berlusconi, grazie alla quale Salvini "ha avuto il via libera per tentare di formare un Governo con il M5S, consapevoli tutti "che il Tuo via libera - dice - ci avrebbe consegnato un Governo anomalo rispetto alla volontà di milioni di Italiani".

Dopo un'ampia premessa, Alessandra Mussolini invita quindi Berlusconi a una riflessione circa l'orientamento di Forza Italia a votare "no" alla fiducia al Governo Conte: "personalmente - dice - ribalterei i termini della questione affermando senza esitazione [...] che all'attuale Governo vada data la fiducia per due ordini di motivi". Che sono, sostanzialmente: nel programma di Governo Salvini ha portato molti punti fondanti del programma del centrodestra ("resta comunque sempre aperta l'opzione del voto contrario in aula - spiega la Mussolini - a provvedimenti giustizialisti o che mettano in pericolo i conti pubblici e il ruolo internazionale del nostro paese, il lavoro e il risparmio degli italiani, la nostra libertà"). Il rischio, sottolinea, viceversa, è la fine politica del centrodestra e della conseguente - "e coerente, a mio avviso" - uscita alle giunte amministrate insieme alla Lega. Seconda motivazione: "Forza Italia - scrive - nasce dalla intuizione di un uomo che ha avuto sempre il polso del sentimento degli italiani, un innovatore che ha cambiato radicalmente il modo di fare ed interpretare la politica [...]", quindi questa "è un'occasione che Forza Italia non può ma soprattutto non deve perdere: senza nulla chiedere in cambio ma animata dal costante spirito di servizio e senso dello Stato che ci ha sempre accompagnato, con Te alla guida, Forza Italia deve essere interprete in prima linea di questa rivoluzione, dando ancora maggiore solidità alla maggioranza parlamentare e - da dentro - contrastarne le eventuali derive contrarie all'interesse nazionale, votando SI alla fiducia".

e.m.