Cerca nel sito:

venerdì 15 dicembre 2017

attualità

13/04/2017 12:25

"Guerra" dell'agnello, Alemanno salva un pastore

La campagna del Movimento nazionale per la Sovranità, 'nel rispetto delle scelte di tutti'

"Guerra" dell'agnello, Alemanno salva un pastore
"Giusto rispettare gli animali, ma ci sono anche gli uomini e le loro tradizioni. In tutta Italia il mondo dei pastori sta scomparendo, nonostante faccia parte delle nostre radici più antiche. Da ex Ministro dell'agricoltura e uomo che crede nella Tradizione, sono dalla parte dei pastori. A Pasqua sulla mia tavola, come su quella di tanti italiani, ci sarà l'agnello. Nel rispetto delle scelte di tutti, io continueró a rispettare la tradizione pasquale."
È quanto scrive su Facebook il segreteario del Movimento Nazionale per la Sovranità, Gianni Alemanno.

Commenti 

4

18/04/2017 10:50

Postato da Antero

http://www.trentinolibero.it/home/news/rubriche/lettere-dei-lettori/12156-vanno-qsalvatiq-gli-agnelli-o-i-pastori.html

3

13/04/2017 17:23

Postato da semovente

(segue)precedente la macellazione (sottrazione alla genitrice, trasporti disumani per chilometri per quelli che vengono dall'estero, maltrattamenti nella fase di “inquadramento” dei branchi nelle sale pre mattatoi, mancanza di cibo ed acqua ecc.) ma subiscono barbarie in fase macellazione sotto il sorriso e la cattiveria degli addetti alla macellazione. Tutto questo non è umano, non è civile, non è aderente al disegno Divino e quindi è una porcheria che solo l'uomo è capace di fare e che non trova riscontro nel Mondo Animale dove le leggi sono si cruentete ma non sono accompagnate da comportamenti simili a quelli degli uomini nei confronti degli animali. Buona Pasqua

2

13/04/2017 17:23

Postato da semovente

(segue) fatto citato nella Bibbia allorchè Dio mise alla prova Abramo che prontamente si preparò per sacrificare cruentemente il figlio Isacco. Fatto che appartiene al Vecchio Testamento che con la venuta di Gesù (Dio è stato sostituito dal Nuovo Testamento nel quale non si parla più di sacrifici cruenti (vds Isacco) o non cruenti (vedasi Abele con la donazione dei frutti migliori a Dio). Gesù parla di Amore verso tutto ciò che Dio ha creato e quindi uomini, animali e piante. Va da se che l'usanza, per chi crede, è oramai superata. Resta il soddisfacimento della pancia e l'entrata della moneta nelle tasche di chi commercia nell'ambito. Io non lo discuto, ognuno è libero di fare quello che crede in ambito culinario. Quello che combatto è la malvagità dell'uomo nei confronti degli animali ed in questo caso degli Agnelli che vengono non solo maltrattati nella fase (continua)