Cerca nel sito:

sabato 23 settembre 2017

Il fatto

14/01/2016 15:38

"Storace, onore al merito"

L'ex presidente della Camera Fini plaude alla decisione del leader de La Destra di rinunciare alla prescrizione nel processo per vilipendio al Capo dello Stato

"Storace, onore al merito"

 

Francesco Storace è certamente un uomo di destra: non a caso ha chiamato così il suo movimento politico quando ha lasciato Alleanza Nazionale perché a suo dire troppo centrista e moderata. E’ noto che la sua idea di cosa concretamente significhi, nei contenuti e nelle azioni, una politica di destra raramente ha coinciso negli ultimi tempi con la mia. Eppure ieri mi ha in qualche modo rappresentato (e spero Francesco non si offenda!) quando ha rinunciato alla prescrizione nel processo che da otto anni lo vede imputato di vilipendio al Capo dello Stato. Non perché io condivida ciò che disse di Napolitano, bensì perchè l’ex governatore del Lazio ha dato un bell’esempio di cosa voglia dire essere di destra in materia di legalità : aver fiducia, nonostante tutto, nella giustizia. Se si sbaglia si paga e se si è onesti, in questo caso intellettualmente, si chiede che ciò venga sancito in tribunale, affinché tutti lo sappiano. Confidare nella prescrizione del reato per farla franca non è certo politicamente così censurabile come salvarsi grazie ad una legge ad personam. Anche per questo spiace che quasi nessuno a destra, aldilà della attuale collocazione, abbia sottolineato come la scelta di Storace sia stata bella e significativa.
Specie oggi che la vicenda di Quarto conferma che è molto facile fare i moralisti, ma che l’ora della verità arriva prima o poi per tutti, quando si deve dimostrare con i fatti di essere coerenti tra quel che si dice e quel che davvero si fa.
"Francesco Storace è certamente un uomo di destra: non a caso ha chiamato così il suo movimento politico quando ha lasciato Alleanza Nazionale perché a suo dire troppo centrista e moderata. E’ noto che la sua idea di cosa concretamente significhi, nei contenuti e nelle azioni, una politica di destra raramente ha coinciso negli ultimi tempi con la mia. Eppure ieri mi ha in qualche modo rappresentato (e spero Francesco non si offenda!) quando ha rinunciato alla prescrizione nel processo che da otto anni lo vede imputato di vilipendio al Capo dello Stato". 

 

Così Gianfranco Fini, con una nota apparsa sul sito Liberadestra.com, interviene sulla vicenda processuale di Francesco Storace.

"Non perché io condivida ciò che disse di Napolitano - argomenta ancora l'ex presidente della Camera - bensì perchè l’ex governatore del Lazio ha dato un bell’esempio di cosa voglia dire essere di destra in materia di legalità : aver fiducia, nonostante tutto, nella giustizia. Se si sbaglia si paga e se si è onesti, in questo caso intellettualmente, si chiede che ciò venga sancito in tribunale, affinché tutti lo sappiano. Confidare nella prescrizione del reato per farla franca non è certo politicamente così censurabile come salvarsi grazie ad una legge ad personam. Anche per questo spiace che quasi nessuno a destra, aldilà della attuale collocazione, abbia sottolineato come la scelta di Storace sia stata bella e significativa.
Specie oggi che la vicenda di Quarto conferma che è molto facile fare i moralisti, ma che l’ora della verità arriva prima o poi per tutti, quando si deve dimostrare con i fatti di essere coerenti tra quel che si dice e quel che davvero si fa", conclude Fini.

"Colpisce che sia Fini ad assumersi l'onere di spendere parole chiare sul mio processo. Ovviamente lo ringrazio, perché in gioco sono valori di democrazia, a partire dal diritto al dissenso, e di legalità col diritto a sapere, senza prescrizione, se ho commesso un reato o no. Tace Napolitano, tace il centrodestra. Non ho dubbi su chi stia sbagliando, e gravemente, nei miei confronti", ha poi commentato Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra.

 

Commenti 

4

15/01/2016 09:33

Postato da semovente

Tentativo meschino per recuperare credibilità.

3

Ma tu............

14/01/2016 17:09

Postato da massimoxmeridio

Lurido verme traditore come puoi pretendere che qualcuno onesto e coerente possa in qualche modo rappresentarti??Sparisci giuda traditore fai semplicemente schifo

2

che peccato Gianfranco

14/01/2016 17:03

Postato da castorone

Avresti avuto dinanzi a te il governo d'Italia dopo Berlusconi con una destra molto forte e Francesco Storace sarebbe stato di certo una garanzia. Alle volte le donne con le loro malie ci distolgono dalle cose grandi e importanti e questo, un uomo di destra, non dovrebbe permetterlo. ma la vita va avanti sergio, Prima ragazzo poi uomo di destra della prima ora