Cerca nel sito:

sabato 23 settembre 2017

Esteri

19/05/2017 15:33

Brasile: chieste le dimissioni del presidente Temer

Spuntano alcune registrazioni fornite da due imprenditori coinvolti nello scandalo di corruzione Petrobras

Brasile: chieste le dimissioni del presidente Temer

Uno scandalo politico scuote il Brasile. Tutto merito di uno scoop del quotidiano Oglobo che ha svelato un retroscena che colpisce al cuore il presidente Michel Temer e che ora rischia una procedura di impeachment.

L’accusa per lui è di aver comprato il silenzio del suo vice nel Pmdb (il partito del presidente) e presidente della Camera, Eduardo Cunha, in carcere da ottobre 2016 con l’accusa di corruzione nell’ambito dell’inchiesta Lava Jato (Autolavaggio) che sinora ha portato in carcere dirigenti statali e delle principali multinazionali brasiliane del settore petrolifero, delle grandi opere e navale, ma anche esponenti politici di rilievo.

Il quotidiano brasiliano ha rivelato che i fratelli Joesley e Wesley Batista, magnati della JSB, la grande holding che si occupa di procedimenti nella lavorazione della carne bovina e suina, con filiali in altri 22 paesi del mondo, tra i più generosi finanziatori delle campagne elettorali, hanno consegnato ai magistrati di "Lava Jato", in cambio di uno sconto di pena,  una registrazione audio nella quale il Capo dello Stato avrebbe comprato il silenzio dell'ex presidente della Camera, Eduardo Cunha.

Secondo quanto si apprende, Joesley Batista avrebbe incontrato Temer il 7 marzo, registrando la conversazione in cui il presidente lo autorizzava a passare una mazzetta a Cunha, che si trova in carcere dopo essere stato condannato per aver incassato milioni di dollari di mazzette nell'ambito dello scandalo dei fondi neri del colosso Petrobras. "Devi continuare a farlo", queste sarebbero state le parole di Temer. Il Partito dei Lavoratori ed altri cinque partiti hanno quindi chiesto le dimissioni del presidente e le elezioni anticipate.

Poco dopo la notizia, Brasilia ha smentito e Temer ha affermato "di non aver mai sollecitato il silenzio dell'ex deputato Cunha. Inoltre il presidente ha annunciato la sua intenzione di non volersi dimettere . "Sto vivendo il peggior momento della mia vita" ha dichiarato Temer ai suoi collaboratori, riferisce la stampa brasiliana, precisando che il presidente ritiene di essere stato vittima di una "cospirazione".

Questo caso di impeachment arriverebbe dopo quello contro l'ex presidente Dilma Roussef, di cui Temer era vice. Tutto nasce dallo scandalo Petrobras che vide pezzi grossi della costruzione pagare tangenti di miliardi di dollari a politici di spicco, soprattutto per l'assegnazione di appalti.