Cerca nel sito:

venerdì 15 dicembre 2017

La crisi

06/12/2017 14:16

Natale, italiani costretti al prestito per regali e cenone

Mentre il premier parla di ripresa i cittadini pensano ai pagamenti a rate e ricorrono alle finanziarie

Natale, italiani costretti al prestito per regali e cenone

 

OC. Mentre il premier parla di ripresa i cittadini pensano a pagamenti a rate
TIT. Natale, gli italiani ricorrono al prestito
SOM. Una persona su quattro farà ricorso alla finanziaria per pagare regali, cenone o vacanze  
Mentre il premier Paolo Gentiloni parla di un paese in ripresa, con l'economia che cresce a ritmi maggiori di quelli preventivati, di soldi in tasca gli italiani pare ne abbiano ben pochi. Tanto che per le feste di Natale sono sempre di più coloro che hanno intenzione di chiedere un prestito personale o di optare per un pagamento rateale per far fronte ai costi legati a regali, cenoni, feste e vacanze invernali. 
A rivelarlo è un sondaggio realizzato da Facile.it e Prestiti.it, secondo cui quasi un italiano su 4 (circa il 24% degli intervistati) farà ricorso a una finanziaria per sostenere le spese natalizie. 
Riguardo le cifre, fra chi dichiara che ricorrerà a un finanziamento, oltre la metà (53.1%) ha dichiarato di voler chiedere una somma superiore ai 2mila euro, il 15,6% una cifra compresa tra il mille e i 2mila euro mentre il 31,3% è orientato su un importo inferiore ai mille euro. Analizzando invece la durata dei finanziamenti, gli italiani cercheranno di rimborsare il prestito in un periodo relativamente breve: il 53% ha dichiarato di volerlo restituire in meno di 12 mesi, il 19% entro i 24 mesi mentre meno di 1 su 3 (il 28%) opterà per un piano rateale superiore ai due anni.
A cosa servirà il denaro? Tra coloro che hanno intenzione di chiedere un prestito personale o di optare per un pagamento rateale durante le feste, il 43,7% utilizzerà la somma per pagare una vacanza (più frequentemente la settimana bianca), il 40,6% per comprare i regali. Interessante notare come il 15,6% di coloro che si rivolgeranno a un’azienda del credito lo farà per sostenere i costi del cenone o della festa di Capodanno.
Analizzando quali saranno i regali che gli italiani hanno intenzione di acquistare ricorrendo al credito al consumo emerge che, nel 33% dei casi, sarà un elettrodomestico. Seguono in classifica l’arredamento, che raccoglie il 26,7% delle preferenze, i giocattoli con il 20% e i beni tecnologici, tra cui smartphone, tablet e pc, indicati nel 13,3% dei casi.
Secondo quanto emerge dal sondaggio inoltre sono le donne ad essere  più orientate a ricorrere ad un finanziamento per regali di Natale e settimana bianca, gli uomini invece primeggiano tra coloro che vorrebbero destinare l’importo alle spese del cenone o della festa di Capodanno. Si notano differenze di genere anche nell’analisi degli importi: le donne si orientano verso prestiti più contenuti (sotto i mille euro) o verso quelli più elevati (più di 2mila euro), mentre gli uomini optano per un importo superiore ai mille euro.
A ricorrere maggiormente ai prestiti è la fascia adulta:  la fascia di popolazione più importante è quella compresa tra i 36 e i 45 anni (47%), seguono coloro che hanno fra i 26 e i 35 anni e quelli tra i 46 e i 60 anni (entrambi con il 18,75%).
Se si guarda a coloro che non intendono richiedere un prestito personale, il 49% ha dichiarato di ritenere i regali di Natale un motivo futile per ricorrere ad una finanziaria, il 35% non ne ha bisogno mentre il 16% non vuole aggiungere un nuovo finanziamento sul bilancio familiare.
Mentre il premier Paolo Gentiloni parla di un paese in ripresa, con l'economia che cresce a ritmi maggiori di quelli preventivati, di soldi in tasca gli italiani pare ne abbiano ben pochi. Tanto che per le feste di Natale sono sempre di più coloro che hanno intenzione di chiedere un prestito personale o di optare per un pagamento rateale per far fronte ai costi legati a regali, cenoni, feste e vacanze invernali. 

 

A rivelarlo è un sondaggio realizzato da Facile.it e Prestiti.it, secondo cui quasi un italiano su 4 (circa il 24% degli intervistati) farà ricorso a una finanziaria per sostenere le spese natalizie. 

Riguardo le cifre, fra chi dichiara che ricorrerà a un finanziamento, oltre la metà (53.1%) ha dichiarato di voler chiedere una somma superiore ai 2mila euro, il 15,6% una cifra compresa tra il mille e i 2mila euro mentre il 31,3% è orientato su un importo inferiore ai mille euro. Analizzando invece la durata dei finanziamenti, gli italiani cercheranno di rimborsare il prestito in un periodo relativamente breve: il 53% ha dichiarato di volerlo restituire in meno di 12 mesi, il 19% entro i 24 mesi mentre meno di 1 su 3 (il 28%) opterà per un piano rateale superiore ai due anni.

A cosa servirà il denaro? Tra coloro che hanno intenzione di chiedere un prestito personale o di optare per un pagamento rateale durante le feste, il 43,7% utilizzerà la somma per pagare una vacanza (più frequentemente la settimana bianca), il 40,6% per comprare i regali. Interessante notare come il 15,6% di coloro che si rivolgeranno a un’azienda del credito lo farà per sostenere i costi del cenone o della festa di Capodanno.

Analizzando quali saranno i regali che gli italiani hanno intenzione di acquistare ricorrendo al credito al consumo emerge che, nel 33% dei casi, sarà un elettrodomestico. Seguono in classifica l’arredamento, che raccoglie il 26,7% delle preferenze, i giocattoli con il 20% e i beni tecnologici, tra cui smartphone, tablet e pc, indicati nel 13,3% dei casi.

Secondo quanto emerge dal sondaggio inoltre sono le donne ad essere  più orientate a ricorrere ad un finanziamento per regali di Natale e settimana bianca, gli uomini invece primeggiano tra coloro che vorrebbero destinare l’importo alle spese del cenone o della festa di Capodanno. Si notano differenze di genere anche nell’analisi degli importi: le donne si orientano verso prestiti più contenuti (sotto i mille euro) o verso quelli più elevati (più di 2mila euro), mentre gli uomini optano per un importo superiore ai mille euro.

A ricorrere maggiormente ai prestiti è la fascia adulta:  la fascia di popolazione più importante è quella compresa tra i 36 e i 45 anni (47%), seguono coloro che hanno fra i 26 e i 35 anni e quelli tra i 46 e i 60 anni (entrambi con il 18,75%).

Se si guarda a coloro che non intendono richiedere un prestito personale, il 49% ha dichiarato di ritenere i regali di Natale un motivo futile per ricorrere ad una finanziaria, il 35% non ne ha bisogno mentre il 16% non vuole aggiungere un nuovo finanziamento sul bilancio familiare.

bf